Robbie Robertson – Testimony

«Puoi sentire la musica in ogni parola» Martin Scorsese

«Uno dei migliori libri sul rock and roll che siano mai stati scritti» Jann Wenner

«Nessuno sa raccontare una storia come Robbie Robertson» David Geffen

 

 

 

 

ISBN: 9788832036121
Pagine: 592
Prezzo: € 25
Traduzione di Gianluca Testani
Formato: 14,5×20 brossura con alette
In libreria da: novembre 2019

Disponibile su Amazon

L’impareggiabile contributo offerto da Robbie Robertson alla popular music ne ha fatto uno dei più amati autori e chitarristi di tutti i tempi. Ma pochi potevano aspettarsi che sarebbe stato un giovane canadese a scrivere alcune delle canzoni più significative del secolo passato, canzoni che sembrano imbevute fino al midollo della mitologia e delle tradizioni di quella che il critico Greil Marcus ha brillantemente definito Old, Weird America. Robertson e i suoi compagni della Band hanno rimescolato le radici della musica americana finendo per stabilire un nuovo lessico rock capace di resistere al tempo, influenzando una schiera infinita di musicisti e stili.

In questa straordinaria autobiografia Robbie Robertson intreccia una fitta trama di racconti partendo dai ricordi d’infanzia – lui, mezzo ebreo e mezzo indiano Mohawk, a Toronto – e dall’apprendistato di musicista svolto sulla strada con Ronnie Hawkins. Da lì gli eventi si succedono freneticamente: la formazione della Band, la prova del fuoco del famigerato tour con Bob Dylan nel 1966, le session rilassate e segrete nella Big Pink a Saugerties, New York, che diedero vita ai basement tapes (prima bootleg, poi album ufficiale, infine leggenda) e forgiarono il distintivo, e unico, suono del gruppo; i preziosi album della Band, che li catapultarono con successo nell’Olimpo del rock, una carriera culminata con il più famoso concerto d’addio della storia della musica, The Last Waltz, eternato da Martin Scorsese.

Più in generale, Testimony (Testimonianza) è la storia di un’epoca e di un luogo, dell’istante in cui il rock sbucò fuori dalle paludi e si fece vita. È la storia di un cambiamento, di come l’America attraversò di corsa gli anni Sessanta e di come figure imponenti come Dylan e The Band ridefinirono la musica e la cultura, con il piccolo aiuto del sesso e delle droghe. Ed è la storia di una grande amicizia fra cinque uomini che insieme crearono un nuovo genere di popular music, più intensa, più profonda, più consapevole, una musica che ancora oggi ci affascina e ci fa vibrare.

Robertson

Condividi